Link Commerciali | Si applicano T&C | 18+

Il Milan pareggia in extremis a Salerno in una gara sofferta, l’Inter perde in casa in malo modo contro il Sassuolo che continua a confermarsi un avversario temibile per chiunque.

Il Milan a Salerno non va oltre il 2-2

Prima contro ultima: questo era lo scenario che accompagnava la trasferta del Milan a Salerno. Una gara che per i rossoneri avrebbe dovuto rappresentare una mera formalità e che invece, principalmente per merito dei campani, si è trasformata in un vero e proprio incubo.

Un errore di Maignan ha propiziato il pareggio dei granata che poi sono riusciti anche a portarsi in vantaggio grazie a un bellissimo goal di testa di Djuric che ha fatto impazzire i 18.000 spettatori presenti allo Stadio Arechi di Salerno. Alla fine un goal di Rebic permette al Diavolo di tornare a casa con un punto che lascia più di un rammarico ma che, per come si era messa la partita, è un punto guadagnato. La trasferta in Campania ricorda alla squadra di Stefano Pioli che da qui alla fine del campionato non ci saranno partite facili e che ormai ogni squadra ha i mezzi per giocarsela a viso aperto con chiunque.

L’Inter crolla in casa contro il Sassuolo

Forte del pareggio dei cugini rossoneri, l’Inter si presentava a San Siro nella partita della domenica alle ore 18.00 con la possibilità di riguadagnare la vetta solitaria della classifica.

La squadra di Simone Inzaghi, tuttavia, pare aver accusato le fatiche di Champions League contro il Liverpool ed è stata sconfitta per 0-2 da un Sassuolo che in questo campionato è già stato in grado di battere il Milan e la Juventus. Per i nerazzurri continua il periodo complicato, ma la sensazione è che i problemi dell’Inter siano più fisici che di gioco o di idee. Anche contro gli emiliani Barella e compagni hanno prodotto tanto, ma ancora una volta non sono riusciti a concretizzare quanto creato anche a causa della scarsa condizione di forma di Lautaro Martinez che continua a faticare e si è reso protagonista di una prestazione insufficiente.

La lotta scudetto è più aperta che mai: i passi falsi di Milan e Inter ci raccontano che nulla può essere dato per scontato e che le due milanesi si giocheranno il titolo insieme al Napoli sino all’ultima giornata.