Link Commerciali | Si applicano T&C | 18+

Il campionato di Serie A si avvia verso le battute conclusive: la squadra allenata da Simone Inzaghi continua a faticare incredibilmente e ancora una volta non riesce a portarsi a casa i tre punti. Ora i nerazzurri sono costretti a rincorrere i cugini rossoneri e il Napoli e la sensazione è che difficilmente riusciranno a invertire la rotta nell’immediato.

Con la Fiorentina l’Inter non va oltre l’1-1

Dopo un periodo decisamente negativo in cui l’Inter è riuscita a conquistare i tre punti solo con la Salernitana, ancora una volta la squadra di Simone Inzaghi fatica più del previsto e alla fine torna a casa con un solo punto che rischia di pregiudicare irrimediabilmente la corsa al secondo titolo consecutivo.

Serie A Pietro Terracciano (ACF Fiorentina) and Edin Dzeko (FC Inter) during the Italian championship Serie A. IMAGO / NurPhoto

Con il Milan e il Napoli che, seppur faticando, continuano a viaggiare a una velocità sorprendente, ora Barella e compagni sono chiamati a una rimonta che avrebbe del clamoroso ma nelle nove giornate che mancano da qui al termine della stagione nulla è ancora compromesso. Resta da capire se Inzaghi riuscirà a invertire la rotta e far compiere alla sua squadra il salto di qualità innanzitutto dal punto di vista psicologico, ma la sensazione è che questa squadra abbia ancora enormi margini di miglioramento e che il principale problema sia di natura squisitamente mentale.

Qual è il problema dei nerazzurri?

Oltre a un netto e visibile calo fisico che ha portato i nerazzurri a correre meno e peggio rispetto al passato, c’è la sensazione che questa squadra abbia accusato lo scotto della sconfitta in rimonta subita nel derby contro il Milan e che da quel momento in poi qualcosa si sia inceppato nei meccanismi della squadra nerazzurra. L’Inter in questo lasso di tempo ha continuato a creare gioco e a condurre con autorevolezza le gare, ma al contempo ha compiuto una serie di errori difensivi gravi ed è stata poco cinica in fase realizzativa. Un connubio letale che rischia di far infrangere i sogni di gloria di Barella e compagni che solo due mesi fa sembravano lanciatissimi verso la vittoria del titolo e che, ora, rischiano di chiudere la stagione addirittura al quarto posto. 

Decisivo sarà lo scontro diretto contro la Juventus alla ripresa del campionato dopo la sosta per gli impegni delle nazionali e l’impressione comune è che se l’Inter non dovesse riuscire a trovare i tre punti allo Stadium davvero sarà costretta a dire addio una volta per tutte al sogno scudetto.