Link Commerciali | Si applicano T&C | 18+

Negli ultimi mesi i nerazzurri hanno dilapidato tutto il vantaggio accumulato a cavallo tra il vecchio e il nuovo anno e ora la squadra di Inzaghi teme di vedere sfumare il sogno del secondo titolo consecutivo.

Cosa sta accadendo all’Inter?

La domanda che in questo momento si stanno ponendo tutti i tifosi nerazzurri e tutti gli addetti ai lavori è: cosa sta accadendo all’Inter? La squadra di Simone Inzaghi in campionato si sta esprimendo a livelli decisamente inferiori rispetto a quelli cui ci aveva abituato nei mesi precedenti e sta perdendo per strada una marea di punti che alla fine potrebbero risultare fondamentali nella lotta scudetto.

Dopo l’eliminazione dalla Champions League subita per mano del Liverpool, in una doppia sfida che ha comunque dimostrato che ormai il Biscione è vicino al livello delle migliori d’Europa, l’Inter non è riuscita ad andare oltre al pari sul campo del Torino che, per la verità, avrebbe meritato pienamente la vittoria. I nerazzurri, a ogni modo, non hanno mollato e alla fine sono riusciti a conquistare il pareggio grazie a un goal di Sanchez nei minuti di recupero che oltre a dare morale muove anche la classifica.

I problemi sono fisici?

Non si capisce se i problemi che stanno affliggendo l’Inter siano di natura fisica o se, invece, siano principalmente mentali. La sensazione è che, dopo aver giocato ogni tre giorni per tre mesi, i nerazzurri abbiano accusato un significativo calo fisico ma che abbiano anche iniziato a temere la rimonta delle inseguitrici.

Un mix di fattori che hanno spinto la squadra di Simone Inzaghi a esprimersi su livelli decisamente inferiori rispetto a quelli cui l’Inter ci aveva abituato nei mesi scorsi e ora i nerazzurri rischiano concretamente di veder sfumare il sogno scudetto. Da qui al termine del campionato gli uomini del tecnico piacentino non potranno più permettersi passi falsi se vorranno bissare il successo dell’anno passato, ma l’impressione diffusa è che ora sia tutto nelle mani del Milan che rispetto ai nerazzurri ha anche il vantaggio degli scontri diretti.

Nelle 10 gare che l’Inter dovrà disputare da qui al termine del campionato Dzeko e compagni dovranno dimostrare tutto il loro carattere e la sensazione è che, nonostante lo svantaggio in classifica, abbiano ancora la possibilità di rimontare e portarsi a casa uno scudetto che assumerebbe un’importanza capitale per l’intero progetto nerazzurro.